Intesa CERALACCA con la Cooperativa SER.E.NA di BERGAMO

L’Associazione Ceralacca OdV e la Cooperativa Ser.e.N.A. hanno concordato e condiviso un percorso formativo per operatori mediatori al fine di costruire una professionalità specifica per favorire processi di inclusione e facilitare ogni forma di mediazione atta a consentire la piena espressione della persona adulta con disabilità.

L’Associazione Ceralacca si impegna a trasmettere la propria esperienza con le persone con disabilità adulte e a garantire la presenza di formatori e tutors suoi collaboratori.

L’Associazione Ceralacca si impegna, inoltre, a seguire e sostenere i progetti costruiti con le persone adulte con disabilità aderenti al progetto LE.ALI Sostegni e a collaborare con la Cooperativa Serena nel mantenere vivo un percorso di formazione continua attraverso momenti condivisi di supervisione; propone anche la possibilità di avviare un “tavolo di pensiero” tra genitori/operatori/ referenti della Cooperativa sui temi inerenti l’adultità.

La Cooperativa Serena si impegna a sostenere il ruolo di operatore mediatore e a indirizzare le varie persone formate a seguire in modo preferenziale il progetto di Ceralacca denominato “LE. ALI Sostegni” per l’autonomia e il “dopo di noi” di persone con disabilità.

La Cooperativa Serena riconosce l’importanza della formazione specifica di operatori mediatori e sostiene il percorso formativo impegnandosi a riconoscere le ore formative del percorso dei propri educatori.

L’Associazione Ceralacca e la Cooperativa Serena si impegnano infine a trasmettere e divulgare con scritti, convegni, testimonianze pubbliche l’importanza della figura professionale di operatore mediatore favorendo una operazione concreta di trasformazione culturale intorno ai temi della disabilità adulta, ai percorsi di autonomia e al dopo di noi.

Convenzione Ceralacca con L’Università degli Studi di Bergamo

L’Associazione Ceralacca ha stipulato una “Convenzione collettiva per tirocini curriculari” con l’Università degli Studi di Bergamo; tali tirocini sono rivolti a studenti iscritti ai corsi di studi, masters o dottorati, attivati dalla stessa Università, e sono previsti nel piano di studi dello studente al fine di conseguire crediti formativi oppure di redigere la tesi di laurea.

Per l’attivazione del tirocinio curriculare per ciascun tirocinante sarà predisposto uno specifico progetto formativo da svolgere all’interno della attività progettuali di Ceralacca(LE.ALI Sostegni, Oggi Esco da Solo, Facciamo Tardi, IMAGO, DoReMi FA Ceralacca), approvato dagli Organi di Ateneo e/o dai regolamenti dei corsi di studio.

“Esperienze di inclusione”

Nell’anno 2018/2019 l’Associazione Ceralacca e la Comunità pastorale di Colognola allargheranno la loro collaborazione. L’intenzione è di dare maggiore solidità ai legami che in questi anni si sono costruiti. Il tema al centro del loro incontro saranno le relazioni umane, quelle che sono il cardine e il fondamento di ogni comunità, anche quando queste incontrano la fragilità dell’anzianità, della disabilità o l’incertezza e l’insicurezza della gioventù: quale cura? Quali relazioni? Quale ambiente? Per affrontare tutto questo si sono pensati dei momenti di dialogo e formazione teorica guidati dalla Dott.ssa Scuri e a momenti pratici legati alla partecipazione ad alcune attività dell’Associazione Ceralacca o a laboratori pensati per l’occasione. Il titolo di tutto questo percorso sarà “Esperienze di inclusione”. Se la maturità della Comunità passa anche dalla cultura delle relazioni tra i suoi partecipanti è necessario che questa possa avvenire anche attraverso la diffusione di strumenti, pensieri e teorie, ricordando la strada solcata dai grandi Santi in cui la Fede cammina con la scienza e la filosofia. Giovedì 21 febbraio alle ore 21.00 si terrà in oratorio il primo incontro per gli aspiranti animatori per il 2019. I giovani desiderosi di prepararsi per dedicare il loro tempo estivo alla cura dei più piccoli si ritroveranno in Oratorio in diverse serate a partire dal mese di febbraio fino al mese di maggio. La prima e la seconda di tali serate vedono la collaborazione con l’Associazione Ceralacca che nel territorio di Colognola da anni lavora, con i suoi Volontari, per la formazione e trasformazione culturale sui temi della disabilità, la costruzione di spazi inclusivi aperti a tutti e i progetti di vita delle persone con disabilità.

L’adulto/giovane è credibile se anche lui in prima persona sa accogliere la fragilità dell’altro e viverla come opportunità di crescita.

Il desiderio è quello di dialogare, con i futuri animatori, sui concetti di fragilità, inclusione, relazione e cura. Ad accompagnarliin questo percorso la Dott.ssa Scuri (psicoterapeuta e consulente dell’Ass. Ceralacca) e il Dott. Cresci (pedagogista e volontario dell’Ass.). Nel primo incontro i giovani saranno accompagnati a riflettere sulle relazioni e a perfezionare l’azione sulla costruzione di giochi e attività aperte a tutti, anche a chi è più fragile. L’attività proposta sarà di tipo laboratoriale. Nel secondo incontro è prevista la testimonianza di un “ragazzo adulto” con disabilità che racconterà la sua esperienza al tempo della scuola, la sua crescita nel mondo del lavoro, la sua indipendenza e autonomia. U esempio di come la disabilità non sia un limite alla vita, ma un altro modo in cui stare nella vita. Un modo che aiuta i giovani animatori a riflettere sul proprio stile e sui propri desideri, che stimola a trovare altre modalità relazionali per incontrare e accogliere la fragilità. La proposta di tipo laboratoriale vorrebbe stimolare i giovani a una simulazione; a pensare a come potrebbero coinvolgere una persona con disabilità nel loro gruppo. Come ben si sa i bambini imparano per imitazione. L’adulto/giovane è credibile se anche lui in prima persona sa accogliere la fragilità dell’altro e viverla come opportunità di crescita. La sanità è questione di esempio, l’amore lo impariamo sentendo le cure dei genitori, l’educazione vedendola nella casa e nella società, la vita conoscendo chi ha saputo viverla veramente!

Mattia

Idea regalo Natale 2016 per raccolta fondi

Anche quest’anno le nostre brillanti Volontarie hanno ideato e curato una nuova iniziativa volta ad attrarre l’attenzione sulla nostra organizzazione e raccogliere fondi per le sue attività. Ecco la bella locandina di presentazione!

locandina-natale-2016-1280

I graziosi vasetti sono stati preparati e confezionati con l’impegno e l’entusiasmo dei Ragazzi di Ceralacca. Un’idea regalo semplice, carina e socialmente utile per il prossimo Natale.

Per conoscere meglio la nostra Associazione e magari ottenere uno dei nostri meravlgiosi vasetti, vieni a trovarci in una delle nostre attività o nella piccola mostra itinerante prevista a partire da dicembre! (torna a visitare il nostro sito per aggiornamenti in merito).

 

Agli Incontri conviviali Ceralacca approda “In Necessità Virtù”

Mercoledì 12 Novembre, in occasione di un incontro conviviale organizzato dall’Associazione Ceralacca, si è parlato del festival “In Necessità Virtù” – Forme d’arte agli estremi. Si è trattato di una presentazione effettuata da Mirco Nacoti (Assoc.Sguazzi) e rivolta alle Persone c/disabilità, ai Volontari ed ai Soci di Ceralacca.

In Necessità Virtù è un progetto culturale che ospita un ampio spettro di espressioni artistiche: la danza, il teatro, la letteratura, il cinema, la musica; attraverso esse dà voce e corpo a differenti condizioni di fragilità. Il concetto cardine intorno al quale il progetto si sviluppa è la condizione di necessità, condizione cui l’uomo appartiene, non straordinaria, quanto piuttosto intrinseca alla sua stessa natura.

Il titolo recita “in” necessità e non “di” necessità virtù per sottolineare che non si tratta dell’arte, pur nobile, dell’arrangiarsi in casi di difficoltà ma del fatto stesso di vivere. Delle strategie virtuose che l’uomo attua nel corso della sua esistenza. Altro concetto chiave è quello di Margine inteso come linea estrema di uno spazio, approfondendo così il tema del confine, della frontiera fisica, culturale e mentale. Il mezzo scelto per raccontare la condizione di necessità e di margine è dunque quello dell’arte.

Ceralacca è una delle Organizzazioni di Volontariato in rete che ha aderito a questo progetto artistico e sarà, insieme ad altre associazioni, un riferimento per la produzione dello spettacolo di teatro/danza “Disandance” che si basa sul contrasto fra corpi danzanti e corpi disabili, in cui Persone con disabilità e Professionisti danzatori agiscono formando un gruppo armonico di Persone danzanti sulla scena, dove il contrasto non viene negato, la disabilità non spettacolarizzata, ma sostenuta per poter esprimere le proprie potenzialità.

Nulla di quanto compone l’evento è inteso come servizio, come operazione di assistenza, come “terapia” o divertimento passatempo, ma come possibilità di tutti i cittadini, anche quelli segnati da fatiche e svantaggi, di stare con dignità sulla scena sociale da “attori” e non da “utenti”.

Sostegno, dignità, possibilità di esprimere le proprie potenzialità: concetti chiave su cui le Persone in Ceralacca quotidianamente si confrontano e che hanno trovato espressi in questo progetto artistico di cui condividono obiettivi e finalità.

Loredana Zambetti(Presidente Associazione Ceralacca)

Amministratore di sostegno:”Volontario al fianco di una persona fragile” anche a Bergamo

Il progetto Ads di Bergamo propone, con l’ASL ed il Centro Servizi per il Volontariato di Bergamo e alcune associazioni aderenti al progetto, l’iniziativa dal titolo “Ads: volontario al fianco di una persona fragile” che prevede una serata informativa l’8 novembre ed un percorso formativo articolato in quattro incontri 15, 22, 29 novembre ed il 6 dicembre. Tutti gli appuntamenti si terranno alle 20.30 presso la Sala Parrocchiale, in via San Sisto 2 a Bergamo. La serata informativa è rivolta a familiari, volontari e operatori socio-sanitari che operano con persone con fragilità – anziane, con disabilità,con disagi psichiatrici o con dipendenze – mentre il corso è rivolto a chi vuole diventare o è già amministratore di sostegno volontario.

Leggi l’articolo completo.